12 GIORNI A NATALE

12 GIORNI A NATALE

Trama:

Il Natale è sempre un momento triste per Holly Brown, che da poco ha perso l’amore della sua vita, così, quando le chiedono di andare a lavorare in una casa isolata nella brughiera del Lancashire, accetta di buon grado per sopravvivere a quei giorni in cui tutti sono felici. Jude Martland è uno scultore, e non intende festeggiare il Natale dopo che suo fratello è scappato proprio con la sua fidanzata. È deciso a evitare la casa di famiglia, anche se gli sarà impossibile non tornare per l’occasione in cui si riuniscono al completo. Quando Jude si presenta all’improvviso, la vigilia di Natale, è tutt’altro che felice di scoprire che Holly si sta occupando di organizzare il party a cui sperava di sottrarsi. Ma quando, senza preavviso, una tempesta di neve ricopre tutto il villaggio, Holly e Jude si rendono conto che forse i loro desideri stanno per essere esauditi. E che le odiate feste potrebbero trasformarsi in qualcosa di molto interessante…

Recensione:

Ho letto per la prima volta questo libro lo scorso Natale per poi rileggerlo anche qualche settimana fa per poter condividere con tutti voi la recensione.
Le protagoniste dei libri che leggo sono quasi sempre donne con un carattere forte,pronte a risollevarsi da una caduta e capaci di ricominciare. Holly è una di quelle donne. Una rinomata chef rimasta vedova precocemente nel periodo di Natale che pur di scappare dalla magia delle feste si propone come house sitting a tempo perso per quelle famiglie che invece vogliono festeggiare in altri luoghi. Tutto ciò che deve fare è badare alla casa e prendersi cura degli animali. E’ proprio grazie a questo genere di lavoro che conosce la famiglia Martland a cui è legata senza saperlo. Nei giorni precedenti al Natale e quelli a seguire sino allo scadere del suo contratto Holly si troverà a fare tutto quello per cui scappava e a superare i limiti che sino a quel momento la bloccavano. Con un lessico molto semplice e leggero questo romanzo mi ha rapita e mi ha aiutata a riassaporare l’atmosfera natalizia di un tempo quando c’erano tavole imbandite,giochi di società,piccoli pensieri per tutti e addobbi natalizi che raccontano una storia. Insomma il Natale in famiglia.
Da cosa nasce cosa e se in principio tra Jude e Holly si crea un sentimento di antipatia, con lo scorrere del tempo e la complicità della neve che li tiene tutti bloccati a Old Place i due scoprono di avere un certo feeling e fanno gioco di squadra cercando di tenere nascosti i sentimenti che bussano forti alle porte dei loro cuori.
Tanti sono i presupposti per buttarsi in una nuova storia d’amore,altrettanti quelli che li spingono a lasciar perdere, ma la magia del Natale insieme a Jess, la nipote di Jude potrebbero metterci il loro zampino affinché qualcosa accada.
E per chi è alla ricerca di un libro dove si respiri aria di Natale e aria di famiglia “12 giorni a Natale” è quello giusto.

Francesca

No Comments

Post A Comment